Vigilanza ecologica (GEV)

L'ufficio della Vigilanza ecologica si trova al 3° piano della palazzina adiacente alla sede della Comunità Montana di Vallecamonica.

La Comunità Montana di Valle Camonica è ente organizzatore del Servizio di Vigilanza Ecologica, istituito con la legge regionale n. 105 del 29 dicembre 1980.
Il servizio si avvale di volontari, impegnati nelle attività di informazione, tutela e vigilanza ambientali.
La Comunità Montana di Valle Camonica dispone di n. 74 Guardie Ecologiche Volontarie, che prestano il loro servizio sul territorio dei comuni facenti parte dell'Ente.
La loro sede centrale si trova a Breno, in Piazza Tassara, al terzo piano della palazzina adiacente gli uffici della Comunità Montana.
Altre sedi logistiche si trovano a Darfo Boario Terme e a Edolo. Le Guardie Ecologiche gestiscono anche la sede in quota "Silter" in località Gaver di Breno.
A loro spettano i compiti di sorveglianza del territorio, in particolare all'interno del Parco Adamello, con il quale collaborano per le attività di educazione ed informazione ambientale, di censimento di flora e fauna, di manutenzione di percorsi, sentieri attrezzati e aree pic-nic.
Il Servizio GEV della Comunità Montana di Valle Camonica si avvale di uffici, strutture e mezzi propri, messi a disposizione grazie ai fondi regionali appositamente destinati.
Le Guardie Ecologiche operano su specifico Ordine di Servizio rilasciato dal Responsabile del Servizio, il Direttore del Parco Adamello dott. Raffaele Tomaino.

LE FUNZIONI DELLA GUARDIA ECOLOGICA

La Guardia Ecologica Volontaria svolge le seguenti funzioni:
- promuove l'informazione sulla legislazione in materia di tutela ambientale;
- concorre alla protezione dell'ambiente, alla vigilanza, e all'accertamento delle violazioni in materia ecologica;
- offre la propria disponibilità alle autorità competenti per collaborare in opere di soccorso in caso di pubbliche calamità o disastri di carattere ecologico.
In particolare la GEV, in qualità di Guardia Giurata, è un pubblico ufficiale, agente di polizia amministrativa preposto alla tutela degli interessi individuati dalla legislazione regionale nel settore dell'ecologia.

I DOVERI DELLA GUARDIA ECOLOGICA

Nell'espletamento delle sue funzioni la Guardia Ecologica deve:
- operare con prudenza, diligenza e perizia;
- qualificarsi esibendo il tesserino personale e portare il distintivo o l'uniforme;
- usare con cura i mezzi e le attrezzature in dotazione;
- assicurare almeno 14 ore di servizio mensili, dando comunicazione con preavviso quindicinale della disponibilità di giornate e di orari;
- svolgere le proprie funzioni nei modi, orari e località indicate nell'ordine di servizio redatto dal responsabile;
- compilare in modo chiaro e completo i rapporti di servizio e i verbali.

COME SI DIVENTA GUARDIA ECOLOGICA

La Legge regionale 105/80 prevede precise modalità per diventare Guardia Ecologica:
- bisogna innanzitutto aver frequentato un corso di formazione organizzato dagli enti gestori del servizio (Comunità Montane, Parchi, Province…) e sostenere il relativo esame, davanti a una commissione appositamente nominata;
- superato l'esame, il Presidente dell'ente organizzatore del Servizio presenta istanza al Prefetto territorialmente competente per il rilascio del decreto di approvazione della nomina a Guardia Giurata (art. 133 del T.U. delle Leggi di P.S. approvato con R.D. 18.06.1931 n. 773);
- ottenuto il decreto dopo aver prestato il relativo giuramento davanti al Pretore, l'incarico di Guardia Ecologica è attribuito con decreto del Presidente della Giunta regionale nel quale è indicato l'oggetto del potere di accertamento e l'ambito territoriale in cui ciascuna Guardia opera.

Data iniziale di pubblicazione: 21/02/2019

Ultimo aggiornamento: 21/02/2019